Progetto di cosmologia

Se la sfera stellata è ciò che – per eccellenza – si lascia conoscere dall’uomo solo in quanto si mostra, a guidare i ragazzi del “Pio XII” attraverso la “mostra” celeste è stato il professor Davide Maino, astrofisico associato dell’Università degli Studi di Milano che, giovedì scorso, ha tenuto la propria “lectio magistralis” di fronte alle ultime due classi del Liceo scientifico sondriese.

Per loro il “Progetto di cosmologia” che – dopo le lezioni introduttive circa la storia del rapporto tra uomo e universo sul piano scientifico come su quelli più specificamente letterario e filosofico – è entrato nel vivo con la lezione di Maino sui temi principali dell’astrofisica del Novecento, dalle teorie su origine e evoluzione dell’universo alle ultime acquisizioni circa la misura della radiazione cosmica di fondo e delle onde gravitazionali.

E che si concluderà solo il prossimo 21 marzo, quando i ragazzi saranno al Laboratorio di astrofisica dell’Università di Milano, per un approfondimento sull’osservazione cosmologica che li introdurrà alla visita della “facility” del centro di ricerca, e all’esperienza diretta della misura della risposta angolare in potenza di un’antenna corrugata.